stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

mercoledì 6 luglio 2011

Il barbecue perfetto

Non è stato facile trovare il barbecue perfetto. Va be’, perfetto, insomma, sarebbe grandicello, a gas e (importantissimo) a buon prezzo. Ho fatto il giro dei negozi di, hem förbättring cioe’ quelli che vendono prodotti che hanno a che fare con la ristrutturazione e la decorazione della casa, soprattutto il super-store che si chiama, BAUHAUS un catena di magazzini che vende dalla pittura ai pavimenti alle cucine complete alle lampade per il soggiorno ai tagliaerba e le piantine, e anche le viti e le pile elettriche. Ci vado volentieri lì, c’è un aria di movimento, di costruzione, di cose nuove, di legno appena segato (infatti te lo tagliano come vuoi e lo stesso per le persiane), ti viene la voglia di rifarti la casa, che so, cambiare il rubinetto del lavandino del bagno, mettercene uno più moderno, alto, elegante e made in Italy. Ieri mentre facevo il traslocco la speranza mi rinasceva dentro, anche un pizzico di entusiasmo, mi sono sentito di nuovo scorrere addosso l’energia e la voglia di aggiustarmi il mio nuovo appartamentino, anche se è molto diverso sopratutto molto più piccolo della casa dove ho vissuto per 30_anni, dove i miei figli sono cresciuti e da cui non volevo andar via.

Una mia "vecchia" amica è venuta apposta dall`Italia per farmi compagnia in questi giorni di traslocco, così l`arredamento ha solamente due colori bianco e nero, secondo lei anche la mattonelle della doccia dovevano essere bianche e nere… per fortuna sono di un bel grigio-rosa, i lavandini, gli sportelli per la cucina, e sì,

le pareti della cucina dovevano essere pitturate di arancione invece sono di un bel Stockholmsvit (bianco Stoccolma). Comunque, eccomi qui a comprare stò benedetto barbecue, e ce ne sono dozzine, tra piccolissimi da mettere sul tavolo, a certi accidenti giganteschi e carissimi per quelli che si considerano grandi chef del barbecue e tramutano il giardino in una vera e propria cucina all’aperto (avevo dei vicini così).

Poi gli svedesi ci cucinano di tutto su quella madre-di-tutti-i-barbecue: bisteccone, costolette di maiale, polli interi, non solo semplici hamburgers e korv (salciccie) come facciamo noi.Va bè, molte volte ho fatto la pizza sul barbecue ed è sempre venuta una meraviglia, ma è un’altra storia.Confesso io sono rimasto italiano… un pò pigro per cucinare,il barbecue non lo userei mai.

Invece gli svedesi,attrezzi del mestiere belli e pronti,sembrano che non abbiano fatto mai altro in vita loro. Loro si mettono lì in piedi, di ottimo umore, una bella Pripps Blå
gelata in mano e girano la carne con smisurato amore, con lo sfondo musicale dei Flamingokvintetten mentre suonano per l`ennesima volta"Tintarella di Luna". Si sentono giustamente orgogliosi di un barbecue ben riuscito: cotti a perfezione i cheeseburgers oggi, no? Ma certo,e che sapore con il formaggio Cheddar sciolto sopra, il ketchup, un tocco di maionese, una puntina di Bostongurka una fetta di pomodoro o di cipolla se vuoi.
E poi i panini che devono essere morbidi, leggeri e capienti. Un po’ di pastasallad (insalata di pasta), il cocomero Greco comperato ad ICA di un bel rosso rubino, birra super-fredda Pripps Blå , panna e fragoline svedesi per il dessert, poi un bel tazzone di caffè (eh, sì,qui ci vuole quello svedese).
E, naturalmente, si pranza all’aperto anche se piove. Andiamo allora ad innaugurare questo appartamentino! Kära vänner… Viva il barbecue!

Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.