stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

sabato 13 aprile 2013

Te la do io la Svezia: "Vita infantile"


La Svezia è il baluardo dell’innovazione in fatto di diritti sociali e di genere: dopo aver fatto da apripista europeo per femministe, gay e aiuti statali, nel Paese nordico infuria il dibattito sull’abolizione della distinzione tra generi.

INFANZIA UNISEX - L’uguaglianza di genere è in Svezia ormai talmente data per assodata che negli ultimi anni è  passata in secondo piano in nome della neutralità, specie per le nuove generazioni: sempre più bambini infatti sono chiamati con nomi unisex (ne esistono 170 legalmente riconosciuti) ed educati a prescindere dal loro sesso. Frasi come “il rosa è un colore da femminuccia” insomma non valgono niente nel Paese dove i negozi di abbigliamento eliminano i reparti uomo/donna e le ditte di giocattoli usano come immagine pubblicitaria un piccolo Spiderman che spinge una carrozzina rosa.

LUI, LEI, HEN - La situazione sta cambiando de facto, ed esige anche un rinnovamento della lingua che permetta di riferirsi a una persona senza implicarne il genere. Così da pochi giorni è stato ufficialmente inserito nella versione online dell’Enciclopedia Nazionale il termine “hen”, un pronome personale neutro che può essere utilizzato al posto di lui (“han”) e lei (“hon”). Il termine è da tempo in uso negli ambienti femministi e omosessuali, ma le sue origini risalgono agli anni Sessanta, e il primo a proporne l’introduzione nel vocabolario fu lo studioso Hans Karlgren nel 1994.
Jan Guillou

LE CRITICHE - C’è anche chi, come lo scrittore Jan Guillou, non ha accolto a braccia aperte la nuova via: per gli scettici la neutralità del genere potrebbe nuocere su due fronti, la preservazione della lingua nazionale e la psicologia dei bambini, confusi più che confortati dalla mancanza di differenze. 

La Svezia e soprattutto il suo sistema scolastico si trovano a cavallo di un cambiamento che necessiterà di tempo per raggiungere una stabilità e una coerenza: per il momento gli istituto si arrangiano secondo direttive interne, per esempio senza distinguere tra aree maschili e femminili, o facendo attenzione a come gli insegnanti chiamano i bambini. 

Se per il mondo degli adulti svedesi il nuovo pronome è il riconoscimento di una tendenza di pensiero già affermata (la cui precedente battaglia – non ancora conclusa – è l’abolizione della sterilizzazione obbligatoria per i trans), il rischio per la vita infantile è che venga monitorata e incanalata più di quanto veniva fatto in precedenza.
Källa: gionalettismo di Marta Arniani


Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.