stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

mercoledì 29 maggio 2013

“al Skani”, lo svedese.


Brandbergen, Fittja, Rinkeby, nomi austeri, lontani, simboli del paradosso del paese più generoso e ospitale al mondo, noto anche come “la porta dell’Europa”. In Svezia arrivano 1.200 immigrati ogni settimana.

E la socialdemocrazia scandinava, la più avanzata e pionieristica al mondo, offre loro abitazioni gratuite e un sistema di sussidi copioso e “cieco” alle nazionalità. Ma è una generosità a senso unico. Per questo le periferie bruciano. Perché gli immigrati svedesi non si assimilano né si integrano, ma creano delle società parallele, i ghetti comunitaristi, che spesso degenerano in microstati governati dalla sharia, dal crimine e dagli hooligan.
Il numero due di al Qaida in Iraq, Mohammed Moumou, (cittadino svedese…) nom de guerre di Abu Qaswarah, rimase ucciso dagli americani in un raid.

Era anche noto come “al Skani”, lo svedese, perché era sposato a una donna di Stoccolma e dirigeva il centro islamico di Brandbergen, il più grande della capitale.

Al Skani (lo svedese) è come il nigeriano che la settimana scorsa ha terrorizzato Londra con il machete.
E’ un figlio del multiculturalismo impersonale delle democrazie europee che nelle loro periferie vedono celebrarsi il più triste commiato.


Non c’è mix più letale della solitudine che si allea all’islamismo. Per questo il comunitarismo europeo ha fallito.
Per questo nella placida e pacifica Svezia i sobborghi del welfare ribollono di antichi rancori.


källa : il foglio












Post in evidenza

Prima domenica dell`Avvento

Ecco, ci siamo: Oggi è la prima domenica dell`Avvento e qui in Svezia è tradizione che si addobbano i davanzali con candelabri e ste...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.