stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

venerdì 9 agosto 2013

Dall`Italia alla Svezia: "una nuova emigrazione."


Premetto subito che mancano a quest’articolo basi statistiche affidabili, sia svedesi (il gruppo italiano è troppo piccolo e scompare nelle statistiche dell’immigrazione dall’Europa del Sud) che italiane, basate di solito solo sul numero di nuovi iscritti all’AIRE. Però l’opinione generale, confermata da diverse esperienze, è che l’emigrazione dall’Italia è in netto aumento. Negli ultimi dieci anni, si può senza dubbio parlare di un raddoppiamento, da circa 4.000- 5.000 presenze, a circa 10.000, e probabilmente è un calcolo per difetto.

Si suole dire che l’emigrazione è cambiata, e che ora sono gli anni della fuga dei “cervelli” dall’Italia: studenti che intendono specializzarsi e prendere un master, dottorandi, ricercatori. Sono numerosi, singoli o con le famiglie, spesso con bambini piccoli.
E per lauree del secondo ciclo, soprattutto nel campo delle scienze o della tecnica, è sufficiente di solito conoscere l’inglese, non è richiesto lo svedese.
Poi ci sono coloro che cercano di approfittare della “libertà di circolazione” nella Unione Europea e che vengono a cercare lavoro, forse anche attirati dalla fama del welfare svedese, e dal sito web in inglese dell’Arbetsförmedlingen (Ufficio Collocamento) che descrive in modo molto positivo il mercato del lavoro svedese e le possibilità che esso offre.

Quanti siano non si sa, all’Ufficio della Federazione delle Associazioni Italiana parlano di circa una richiesta di aiuto al giorno, e molti si dirigono anche alla Cancelleria Consolare.
Dall’Italia si può venire in Svezia come turista per tre mesi. Passati i tre mesi, si ha diritto di cercare lavoro per altri tre (in realtà possono essere anche di più, non è una preoccupazione prioritaria della polizia quella di andare a caccia dei cittadini europei che sono rimasti in Svezia oltre sei mesi).
(Qualche mese fa, comunque, nel quadro del progetto REVA, il governo ha dato alla polizia l’incarico di fermare, sulla metropolitana o per strada, le persone che si poteva supporre stavano in Svezia illegalmente, quali richiedenti asilo la cui domanda era stata respinta e che avevano avuto un ordine di espulsione e casi analoghi. Dato che l’unico modo di trovare questi “illegali” era di fermare chiunque non avesse un aspetto “nordico”, questa operazione ha suscitato sdegno nella popolazione svedese, si sono fatte grandi dimostrazioni ed alla fine la polizia stessa ha annunciato che aveva deciso di interrompere l’operazione).

Se si ottiene un contratto di lavoro di almeno un anno, ci si puó allora registrare all’Ente Immigrazione ed ottenere il permesso di soggiorno e il sognato numero fiscale, le famose “quattro cifre” che seguono la data di nascita.
Solo chi ha le quattro cifre infatti può aprire un conto in banca, seguire i corsi gratuiti di svedese per immigrati, firmare contratti di lavoro, ricorrere all’assistenza sanitaria e ai servizi sociali ecc. ecc.
Per chi viene dall’Italia con un sussidio di disoccupazione e la tessera sanitaria europea, questi mesi non sono facili ma neanche terribili. Anche se la prima scoperta che si fa è che il mercato del lavoro non è cosí brillante come si sperava. Non sapere lo svedese è un grosso handicap, e anche chi conosce abbastanza l’inglese può avere molte difficoltà, particolarmente nei lavori meno specializzati (lavapiatti, spazzaneve, cameriere) dove il contatto con i clienti o la comprensione delle regole di sicurezza richiedono spesso la conoscenza dello svedese.

E´da notare anche che, almeno fino ad oggi (si parla di modificare questa regola) chi non ha le “quattro cifre” non può ottenere aiuto dall’Ufficio Collocamento, non può essere inserito nel loro data base e quindi deve cercarsi il lavoro da solo/-a.
Molti datori di lavoro inoltre esigono le “quattro cifre” prima di proporre un contratto di lavoro, Moment 22 dato che la condizione per ottenerle dall’Ufficio delle Tasse è appunto quella di avere un simile contratto. Alla difficoltà di trovare lavoro si aggiunge quella di trovare una casa, in particolare nella capitale, Stoccolma. Fiorisce un mercato nero dell’alloggio, con subaffitti a prezzi esosi di camerette o di posti letto, con richieste di caparre che spesso non vengono restituite.

Ma c´è un terzo gruppo di arrivi dall’Italia, di cui non si parla molto e che è il più disgraziato. Sono i cittadini dei paesi terzi con permesso di residenza illimitato in Italia. Hanno lo stesso diritto dei cittadini italiani di venire in Svezia come turisti e poi di cercare lavoro per tre mesi. Sono africani, magrebini, sudamericani, vengono in maggioranza dalla Nigeria, dal Ghana, dalla Costa d’Avorio, dalla Tunisia e dal Marocco, dal Perù, dalla Bolivia, dall’Ecuador. In stragrande maggioranza uomini, ma ci sono anche donne e bambini.

Molti di loro hanno risieduto in Italia per diversi anni, parlano bene l’italiano, hanno seguito corsi professionali (per maneggiare il muletto, sicurezza sul lavoro ecc ecc). Sono stati primi ad essere mandati via quando la crisi è venuta, in molti casi l’impresa dove lavoravano ha fatto fallimento. In certi casi non sono neanche stati pagati. Poi ci sono quelli che in Italia hanno fatto lavori non specializzati, raccolto i pomodori, pulito le scale, e questi ultimi spesso non parlano l’inglese, per non dire lo svedese.

Per queste persone, a parte il diritto di stare in Svezia, non c’è nessun aiuto. Molti di loro poi non hanno neanche la tessera sanitaria europea. Arrivano in Svezia con gli ultimi risparmi, abitano da amici, da connazionali o nelle stazioni, in macchina, o in un sacco letto ai limiti dei tanti boschi.
Non hanno neanche, tra l’altro, diritto a dormire nei dormitori comunali per i senza tetto, riservati a coloro che hanno la residenza in Svezia. 

Alcuni abitano da parenti o amici, alcuni si perdono nella giungla degli alloggi (o dei letti) di seconda o terza mano, pagando a volte fino 2 000 corone al mese per l’uso di un letto a persone che si approfittano della loro situazione. Solo qualche mese fa è stato aperto a Stoccolma un dormitorio comunale riservato a loro. Sono 40 posti ma ce ne vorrebbero almeno il triplo e i posti letto vengono tirati a sorte ogni sera. Due anni fa, diversi assistenti sociali avevano osservato che il numero di migranti della UE senza tetto era in aumento e ebbero l’idea di un centro diurno riservato a loro.
A differenza dei senza tetto svedesi infatti, spesso persone con problemi di tossicodipendenza o psichiatrici, o tutti e due, la grande maggioranza dei migranti (ma naturalmente non tutti) è composta da persone che vogliono e possono lavorare ma che non trovano lavoro.

CROSSROADS, cosí si chiama il centro di accoglienza, è finanziato dal Fondo sociale europeo, dalla città di Stoccolma e da diverse chiese ed è gestito dalla Stadsmissionen. Ci sono sei o sette funzionari stabili, che insieme dominano sei o sette lingue (svedese,arabo, rumeno, polacco, bulgaro, finlandese, inglese, spagnolo) e che hanno una lunga esperienza di lavoro sociale e di orientamento professionale in Europa.
Li aiutano decine di volontari: un medico che viene alcune ore ogni due settimane, giuristi, psicologi, parrucchieri, podologhi ,insegnanti ed interpreti. E poi ristoranti, ditte che regalano pacchi alimentari, cuochi che danno corsi di cucina. Il senso di solidarietà in Svezia è esteso ed ha molte facce.
CROSSROADS è aperto dal lunedí al venerdí dalle 8 alle 12. I visitatori, per motivi statistici, dichiarano nome e data di nascita all’ingresso. Possono poi soddisfare alcuni problemi basici: far colazione e pranzo, doccia, lavare i panni, ricevere vestiti, poltrone per riposare.

Ma quello che caratterizza CROSSROADS e ne fa un esperimento unico in Europa e nel mondo, è che l’accento viene posto sulla ricerca del lavoro: c‘è una stanza con computers e collegamento con Internet, ci sono bacheche con offerte di lavoro, ci sono insegnanti volontari che danno corsi di svedese e di inglese e traducono i CV in svedese.


Marika Markovits, 
sacerdote della chiesa svedese
e direttore della missione della città di Stoccolma
è stata nominata "Cittadina Europea per l`anno 2013"
per l`impegno svolto all`interno del proggetto
 CROSSROADS (crocivia)

 
Ogni giorno si presentano circa un centinaio di persone ( ma sono in continuo aumento. L’ultima settimana erano 160): molti vengono dall’Europa dell’Est, poi il maggior numero viene dalla Spagna e dall’Italia, migranti di paesi terzi ma anche italiani e spagnoli. Gli uomini sono in stragrande maggioranza.

källa:Antonella Dolci su cambiailmondo  

Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.