stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

Post in evidenza

"Nostalgia di castagne"

Voglia di caldarroste, nastalgia di casa, chiamatela come volete, ma a me in questa domenica novembrina freddina e cortissima (qu...

venerdì 23 maggio 2014

Svezia, finita la stagione dell'accoglienza.


Siamo a Rinkeby, un quartiere di immigrati nel nord di Stoccolma. La Svezia stata un esempio per l’accoglienza e l’integrazione degli immigrati in Europa. Ma nel 2010 un partito di estrema destra è entrato per la prima volta nel Parlamento svedese e gli attacchi razzisti si sono moltiplicati.
Se molti immigrati sognano un futuro migliore nei paesi del Nord europa, la realtà che si trovano a vivere è molto diversa. Anche nella ricca Svezia, le disuguaglianze sociali spingono gruppi di skinheads ad aggredire le persone. Muria è giunto dal Kenya 6 anni fa. “Un giorno ero fuori con un amico. Alcune persone sono venute verso di noi e ci dicono “ Cosa ci fate qui? Non è il vostro paese . Che ci fate qui ?
Il mio amico era solo andato a comprare un hamburger. Ha cominciato a rispondergli …. e allora una ragazza lo ha attaccato . Ed era come – wow – dobbiamo rispondere … Così sono arrivate sette persone ad attaccarlo e a picchiarlo “ .
“ Odiano musulmani” contiunua Muria “Non odiano tutti gli stranieri, odiano i musulmani. Ma se tutti gli stranieri che sono qui smettessero di lavorare per due o tre giorni, allora si renderebbero conto di quel che succederebbe al loro paese”.

Un anno fà la Svezia rimase sottochoc per la violenza urbana a Malmö. Cosa è successo al paradiso sociale svedese? La disoccupazione a livello nazionale è all’8% ma è piu’ del doppio tra gli immigrati e tra i giovani. Le spiegazioni del professor Edda Manga, docente di storia delle idee.
Edda Manga- Docente di storia delle idee.
“Abbiamo problemi che non avevamo prima. Abbiamo molte persone che non sono coperte dal sistema sociale. Abbiamo persone che non hanno una casa. E alcuni ultranazionalisti e populisti fanno un’analisi di questa situazione e dicono che dipende dall’immigrazione. E’ un’idea semplicistica che molte persone prendono come spiegazione che naturalmente offre una soluzione molto semplice. Sbarazzatevi degli immigrati e tutto tornerà come prima” .

Ibrahim ha 31 anni e lavora come atttore a Gotenburg. I suoi genitori vengono dal Gambia ma lui è nato e cresciuto a Malmö. La sua carriera è tutta in salita. “Parlo bene svedese ma non sembro svedese” racconta “Questo è il mio problema. Devo lavorare dieci volte piu’ degli altri perché sono nero. Sul palcoscenico ho sempre la parte di tipi pericolosi, spacciatori o ladri, e io invece vorrei fare il poliziotto”

Ibrahim, 31 anni
Le tensioni sociali fanno crescere il partito dei democratici svedesi, un movimento anti-immigrazione e anti – islam. Secondo gli ultimi sondaggi alle prossime elezioni nazionali a settembre potrebbe ottenere il 10%, diventando la terza forza politica della Svezia.
(diverse källor)

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.