stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

Post in evidenza

"Nostalgia di castagne"

Voglia di caldarroste, nastalgia di casa, chiamatela come volete, ma a me in questa domenica novembrina freddina e cortissima (qu...

sabato 30 agosto 2014

Brasse se n`è andato


Brasse se n`è andato all`età di 69 anni dopo aver fatto sorridere non solo due generazioni di bambini ma anche i loro genitori (tra i bambini per loro fortuna anche i miei). Brasse, era uno dei 3 conduttori di un programma televisivo del pomeriggio che ha fatto la storia della televisione svedese  Fem myror är fler än fyra elefanter (Cinque formiche sono di più di quattro elefanti) il programma era ad indirizzo pedagogico ed ogni pomeriggio trattava una lettera dell´alfabeto, usando il linguaggio dei bambini, così mentre i miei due”mascalzoni latini” inparavano a leggere io con la scusa di farli star buoni imparavo lo svedese. 
Ciao Brasse e grazie!


Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.