stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

martedì 26 maggio 2015

"Caro navigatore di passaggio"


Caro navigatore di passaggio che ti si soffermato sanza scappare inorridito  o visitatore-amico che ogni tanto lasci un commento, (negativo o positivo che sia sei sempre il benvenuto e lo sai) ti auguro una buona e serena settimana. Ho rubato alla poetessa e scrittice tedesca Elli Michler queste bellissime parole per donarle a te e a chi ami di più. Io le dedico alle persone più importanti della mia vita: Ai miei figli, ed ai miei nipotini.

Ti auguro tempo.
***
Non ti auguro un dono qualsiasi.
 Ti auguro soltanto quello che i più non hanno.
 Ti auguro tempo, per divertirti e per ridere;
 se lo impiegherai bene, potrai ricavarne qualcosa.
 Ti auguro tempo, per il tuo Fare e il tuo Pensare,
 non solo per te stesso, ma anche per donarlo agli altri.
 Ti auguro tempo, non per affrettarti e correre,
 ma tempo per essere contento.
 Ti auguro tempo, non soltanto per trascorrerlo,
 ti auguro tempo perché te ne resti:
 tempo per stupirti e tempo per fidarti
 e non soltanto per guardarlo sull’orologio.
 Ti auguro tempo per toccare le stelle
 e tempo per crescere, per maturare.
 Ti auguro tempo, per sperare nuovamente e per Amare.
 Non ha più senso rimandare.
 Ti auguro tempo per trovare te stesso,
 per vivere ogni tuo giorno, ogni tua ora come un dono.
 Ti auguro tempo anche per perdonare.
 Ti auguro di avere tempo, tempo per la vita
***. 
 Elli Michler



Post in evidenza

18 Gennaio

Oggi, come ogni 18 gennaio, è il mio genetliaco, in uno sciagurato giovedì mattina di tanti anni fa, non so a che ora, nella periferia...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.