Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

giovedì 22 ottobre 2015

La Svezia che non vorrei mai raccontarvi.


Quella di oggi, è una Svezia sotto shock da quando stamattina alle 10 con una maschera sul volto, quella di Darth Vader, vestito di nero e con due coltelli in mano, uno lungo come una spada. Un  ragazzo di 21 anni è entrato nella scuola elementare e media Kronan, a Trollhättan, una tranquilla cittadina nel sud-ovest del Paese. Passando di classe in classe, ha colpito chi si trovava davanti, uccidendo un professore, colpendone un altro e infierendo ripetutamente su due ragazzini di età compresa tra i 12 e i 15 anni. Uno di loro è morto all'ospedale, dov'è arrivato in condizioni gravissime, con ferite profonde al fegato, al torace, ai polmoni. Il suo compagno è in fin di vita. Anche l'assassino è deceduto per le ferite riportate: due colpi di arma da fuoco al torace sparati dagli agenti intervenuti pochi minuti dopo l'inizio dell'attacco.
La scuola si trova nel quartiere di Kronogården, a due chilometri dal centro e ospita circa 400 ragazzi.

Personalmente sono rimasto particolarmente scosso da questo avvenimento avendo lavorato negli anni 90 (in trasferta da Stoccolma) nella multinazionale che da lavoro non solamente a tutta la città, ma anche al resto della regione.

Il ragazzo della foto si chiama Anton Lundin Pettersson, 21 anni, ed è "sospettato"della strage. Guardando la sua faccia pulita da ”bravo ragazzo.” Forse dovremmo fermarci tutti un attimo, e riflettere su che tipo di società abbiamo costruito, e dove stiamo andando.
Le foto sono prese da "Aftonbladet" giornale del pomeriggio

Post in evidenza

LA VITA CONTINUA

La vita la combattiamo ogni giorno, con tutti i suoi problemi e le apprensioni che ne conseguono, ma poi alla fine nel nostro intimo ognun...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.