stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

venerdì 23 ottobre 2015

"Buongiorno ai profumi di un qualsiasi primo di Ottobre."

A quelli forti che ti svegliano e non ti fanno più dormire.
Al profumo del caffè appena fatto.
A quello del latte e dei biscotti che invade la cucina.
All’odore di cioccolato che ti rende, forse, un po’ più dolce.
Al profumo che lascia un genitore quando esce di casa.
A quello che senti quando la sera ti da il bacio della buonanotte.
Al profumo della pelle di un bambino piccolo.
A quello che morderesti per quanto è buono.
A quei profumi che ti regalano e che, da quel giorno, diventano tuoi.

Buongiorno a chi “e poi un sabato mattina ancora sulla pelle il tuo profumo”.
A chi quel profumo gli ricorda qualcuno, non una persona a caso.
A chi non lo può più sentire.
A chi appena lo sente gli si chiude lo stomaco.
A chi cammina per strada e lo sente per caso.
A chi ha fatto tanto per cancellarlo dalla mente, non solo il profumo.
A chi arriva quando meno te lo aspetti.
A chi ci si attacca poi tutta la giornata.

Buongiorno all’odore di cibo che ti riporta indietro nel tempo.
A chi ricorda la casa della nonna.
A chi ricorda la casa al mare.
A chi ricorda l’odore dei pini.
A chi ricorda l’odore della pioggia.
A chi quella pioggia la vorrebbe per nascondere le lacrime.
A chi gli si stringe il cuore.

*****


Post in evidenza

18 Gennaio

Oggi, come ogni 18 gennaio, è il mio genetliaco, in uno sciagurato giovedì mattina di tanti anni fa, non so a che ora, nella periferia...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.