stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

lunedì 9 novembre 2015

“Non ci sono soldi, non c’è lavoro, non ci sono case”

Che la mamma degli imbecilli fosse sempre incinta anche in Svezia io l`ho sempre sostenuto e non lo scopro certamemte oggi. Infatti non è questo che mi preoccupa, ma come si stanno comportando in questi ultimi giorni i componenti del partito nazionalista dei Democratici svedesi (Sverigedemokraterna) che a dir poco ha dell`incredibile. L`ultima trovata in ordine di tempo, (di cui questa mattina hanno rivendicato la paternità) è un volantino distribuito sull’isola di Lesbo in Grecia ai profughi in attesa di partire per il nord Europa. Il titolo è eloquente e di certo non lascia dubbi sul tipo di messaggio che si vuole dare: “Non ci sono soldi, non c’è lavoro, non ci sono case.” Un messaggio dai toni falsi ed esagerati che continua descrivendo la Svezia di oggi in modo terrorizzante “Lanci di granate negli spazi pubblici”, “molte sparatorie”, “gruppi violenti” in futuro verrà proibito sia il Burqa, hijab e chador. L’obiettivo? Senza alcun dubbio quello di tenerli lontani dalla Svezia.
Volantinaggio a Lesbo con giubbottini "sponsorizzati" da noi contribuenti svedesi
Parlare di “informazione scorretta” a questo punto mi sembra riduttivo. La cosa più ridicola di questa buffonata è che si sono firmati a nome di tutto il popolo svedese: ”The People of Swede.” Naturalmente senza porsi il minimo problema e chiedersi se il popolo svedese avesse il desiderio essere rappresentato da una manica di imbecilli. Ma andate a fanculo...!!
*****
NB) Il video di oggi è di Malena Ernman, 
mezzo soprano svedese,che si sta battendo con tutte le sue forze a favore dei profughi
 

Post in evidenza

Intrigo a Stoccolma. (Parte 1)

Stoccolma: Settembre 1965 Arrivai in Svezia in una giornata come quella di oggi. Calda, cielo un pò nuvoloso con sprazzi d`azzurro in...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.