Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

domenica 24 gennaio 2016

Si scrive: "Semlor si pronuncia Semlur."


Chi le trova irresistibili, le mangia tutti i giorni. Chi è fedele alla tradizione le gusta nei weekend, mentre i veri puristi le mangiano solo il martedì grasso. Si comincia dal coperchio, poi il dolcissimo ripieno e infine la pasta. I più raffinati adorano mangiarle con la forchetta, mentre i più anticonformisti le gustano con il cucchiaino. E i conservatori le ordinano con una tazza di latte caldo. Tutti i modi vanno bene, l’importante è mangiarle, senza emulare re Adolfo Federico di Svezia (1710 - 1771) che poverino morì per problemi di digestione. 
Le malelingue dicono;a causa delle 14 portate del suo dolce preferito;” la semla.” Ancora oggi viene ricordato nelle scuole svedesi come: “il re che mangiò fino alla morte.” 
Una dolce domenica a tutti. 

 

Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.