Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

sabato 7 maggio 2016

Il coraggio di Tess

foto:David Lagerlof

Tess Asplund come Tommie Smith e John Carlos, i due atleti afroamericani che mostrarono al mondo intero il "Black Power". Lo slogan usato per la lotta contro la discriminazione raziale a cui erano soggetti gli afroamericani soprattutto negli Stati Uniti. "Ho agito per impulso, quando li ho visti sfilare in piazza lo sdegno mi ha tolto il tempo di avere paura", così la giovane svedese di origini africane Tess Asplund racconta quei momenti che l'hanno resa celebre nel mondo quando, incurante del pericolo, si è frapposta da sola ad un corteo di trecento neonazisti nella città svedese di Borlänge. La foto che la ritrae mentre alza il pugno chiuso  del "Black Power" mentre si piazza davanti al corteo del "Nordiska motståndsrörelsen", partito di estrema destra svedese, ha fatto il giro del mondo facendola diventare di fatto un simbolo. Tess però assicura che è stato un gesto del tutto casuale dettato più dall'indignazione che da calcoli. "Li ho visti sfilare, mi sono detta che non è ammissibile che razzisti, estremisti predicatori di odio come loro sfilino in piazza. E mi sono messa in mezzo alla strada, decisa a tentare di fermare il loro corteo" ha raccontato Tess..
"Non m'immaginavo nemmeno che quelle foto pubblicate dai reporter avrebbero fatto il giro del mondo online. Mi ha sorpreso" ha sottolineato la donna, aggiungendo: "A volte si agisce senza pensarci su, solo adesso ci ripenso dopo aver visto le foto su Internet". "Mi hanno fissato con i loro occhi gelidi e carichi d'ira, ma senza dire una parola. Io ho ricambiato lo sguardo freddo. Non hanno pronunciato nessun insulto e nessuna minaccia. Tutto è avvenuto in pochi secondi: dalla loro terza fila uno di loro è venuto avanti verso di me, deciso a spingermi via. Gli agenti sono stati più veloci, si sono posti in mezzo" ha ricordato Tess.
Al momento assicura che non le sono arrivate minacce dirette ma crede che presto arriveranno. "Sono attivista antirazzista dall'età di sedici anni, lottando contro il razzismo impari pian piano che la paura è normale, impari a convivere con la paura. Anche in Svezia è diventato normale. Alcuni amici militanti vivono a indirizzi segreti, protetti da agenti speciali" ha raccontato Tess, concludendo: "Il volto peggiore delle società europee si mostra anche nel Nord. La gente ha perso la memoria, potrebbe svegliarsi davanti alla minaccia quando sarà troppo tardi. Per questo voglio sfidarli, anche in piazza".
källa: la republica
La Asplund è stata fotografata da David Lagerlof. Ora chiede però di essere lasciata in pace perché "quei tizi sono grossi e pazzi".
Tack Tess.


Post in evidenza

LA VITA CONTINUA

La vita la combattiamo ogni giorno, con tutti i suoi problemi e le apprensioni che ne conseguono, ma poi alla fine nel nostro intimo ognun...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.