Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

lunedì 9 maggio 2016

L'importante è chi il sogno ce l'ha più grande


Che gli svedesi vadano matti per i crostacei non è un mistero. Ma che dopo 200 anni di pace avrebbero dissotterraro l`ascia di guerra per sferrare un attacco alle astici americane per una questione inrilevante come ”le misure” non se lo aspettava propio nessuno.
Propio così la guerra delle aragoste tra Svezia e Stati Uniti è tutta una questione di chele e di chi ce le ha più grosse: le aragoste americane (Homarus americanus). E per questo motivo quando vengono messe in un ambiente insieme alle aragoste europee (Homarus gammarus) gli esemplari femmine ne scelgono gli esemplari maschi per accoppiarsi. Portando così al rischio di estinzione la specie europea.
La lotta per cercare di bloccare le aragoste americane parte propio dalla Svezia. Un rapporto di 89 pagine dell’Agenzia svedese per la tutela del mare lancia l’allarme: i maschi di aragosta di origine nordamericana (Homarus americanus) hanno le chele più grandi di quelli europei (Homarus gammarus); perciò se in un allevamento europeo di aragoste vengono inseriti dei maschi nordamericani, le femmine europee si accoppiano solo con quelli, le specie si ibridano e in quattro e quattr’otto la varietà europea scompare. E ormai non è più solo un problema di allevamento in vasche, che sarebbe arginabile, perché già diverse aragoste americane sono state catturate in alcune baie della Scandinavia dove vivevano libere. Scappate chissà come, o liberate di proposito.
La Svezia ha così proposto alla Commissione europea di valutare un blocco totale dell’import di aragoste americane vive in Europa, in quanto si tratta di “specie invasiva”La Norvegia, nel frattempo, non facendo parte dell’Unione europea ha potuto già imporre il bando totale e ha persino messo delle taglie sulle aragoste americane catturate nei suoi fiordi. E l’idea è stata immediatamente ripresa dalla Svezia, dal momento che per questo non serve il via libera dell’Unione europea.
Gli americani, ovviamente, non l’hanno presa bene.
I produttori del Massachusetts hanno scritto una lettera al segretario di Stato John Kerry perché difenda i loro diritti, citando anche uno studio americano che sostiene che le dimensioni delle chele non contino così tanto nell’accoppiamento tra aragoste.
Ma per Bruxelles, al momento, resta tutta una questione di dimensioni.
Vedremo come andrà a finire...!!



Post in evidenza

Dove non andare per Pasqua: In Svezia!

Dove non andare per Pasqua? In Svezia, per citare un esempio. Chissà, forse l’elenco potrebbe continuare, con: Danimarca, Finlandia, N...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.