stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

Post in evidenza

"Nostalgia di castagne"

Voglia di caldarroste, nastalgia di casa, chiamatela come volete, ma a me in questa domenica novembrina freddina e cortissima (qu...

venerdì 11 novembre 2016

11 NOVEMBRE



Figlia mia mi ricordo ancora di quando 
ti ho tenuta per la prima volta 
tra le mie braccia, 
eri così piccola e indifesa,
 eri una piccola principessa
 da amare e proteggere.
 Gli anni sono passati 
e tu sei cresciuta fino
 a diventare la bellissima donna
 e
 la stupenda mamma che sei ora.  
Sono fiero della persona che sei diventata, 
ti amo ogni giorno di più!
  Ti auguro di essere sempre allegra 
come lo sei in questo foto 
e
 di riuscire a realizzare tutti i tuoi desideri!

Buon compleanno tesoro.
 Da papà.  
Che la mamma da lassù
 è stata la prima a farteli.
*****
nonno Franco a Stoccolma



Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.