stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

Post in evidenza

"Nostalgia di castagne"

Voglia di caldarroste, nastalgia di casa, chiamatela come volete, ma a me in questa domenica novembrina freddina e cortissima (qu...

domenica 9 aprile 2017

Pensierino della sera. (e lacrime reali.)



Questa mattina a Stoccolma ci siamo svegliati con tanto amaro nel cuore il vile atto terroristico di ieri ha lasciato traccie non facili da rimarginare. Stamattina mi ha particolarmente commosso vedere Victoria erede al trono di Svezia in lacrime sul luogo dell`attentato. Il mio pensiero questa sera va alle vittime e ai loro familiari nel loro sconfinato dolore.
Nizza, Istanbul, Orlando, Londra, Stoccolma ... momenti di terrore, nausebonda violenza di mostri vili, guidati da odio senza senso. La paura e l'odio si sta diffondendo e il terrore lascia traccie indelebili in noi. Ed è umano. Naturalmente, odio e terrore non possono essere sconfitti solo parlando d`amore. Ma altrettanto vero è; che l'odio non può essere sconfitto da altro odio. 
 O dalla paura!!! Buonanotte.
*****

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.