stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

venerdì 4 giugno 2010

Il soffio di Dio...!

 
”C`è nell`uomo un soffio,
Uno spirito che assomoglia
al soffio e allo spirito di Dio.
Gli animali non ne sono privi”.

Giovanni Paolo II
Posted by Picasa


La mia vita dura 10-15 anni.
Se mi odi mi fai soffrire. Pensaci bene prima di prendermi con te.
Cerca di volermi bene così come sono perché non sono stato io a scegliermi.
Né ho la possibilità di scegliere amici e padroni.
Lasciami il tempo di capire quel che desideri da me.
Prima di sgridarmi,per educarmi, domandati se forse non sei tu che sbagli.
Oppure, sono io che non capisco cosa desideri da me.
Amami perché io vivo per questo.
Non arrabbiarti con me e non castigarmi.
Tu hai il lavoro, i tuoi amici, i tuoi divertimenti; io ho solo te.
Parlami ogni tanto!
Se ti sembra che non capisco, sappi che io so quello che pensi e che senti.
Ricordati che non dimentico mai come ti comporti con me.
Prima di picchiarmi, pensaci bene, potrei morderti, però non lo farò mai.
Quando sono piccolo non considerarmi come un giocattolo che butti se non ti serve più, perché il mio amore per te dura per sempre.
Prenditi cura di me quando invecchierò, rimarrò senza denti, diventerò sordo e non potrò più camminare.
Qualcuno si prenderà cura anche di te perché la vecchiaia è uguale per tutti.
Accompagnami nel mio ultimo viaggio.
Non dire mai “non posso guardare” oppure “fate che succeda in mia assenza”.
Con te tutto è più facile.

Questo deve essere il tuo preciso impegno in cambio della fedeltà e della dedizione che ti ho sempre mostrato.
Quando non ci sarò più non essere triste, piuttosto cerca di far felice qualche altro cane e amalo come hai amato me.

Post in evidenza

Prima domenica dell`Avvento

Ecco, ci siamo: Oggi è la prima domenica dell`Avvento e qui in Svezia è tradizione che si addobbano i davanzali con candelabri e ste...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.