stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

domenica 6 giugno 2010

Ingegneri...: Della serie, meglio italiani o svedesi…?

 

Nonno Franco è un ingegnere meccanico, in svedese Maskiningenjör.
Lo so, è difficile credere che una persona così splendidamente sublime possa appartenere all'abominevole genìa degli ingegneri, ma così è, e tanto vi basti.
E allora parliamone, di questi ingegneri: chi sono, da dove arrivano, cosa fanno?

Gli ingegneri a Stoccolma arrivano da un luogo oscuro e triste (vedi foto) chiamato. Kungliga Tekniska högskolan (KTH),
in inglese Royal Institute of Technology,
Il ruolo della Kungliga Tekniska högskolan: non è quello di insegnare delle cose, o di farti diventare bravo a fare qualcosa. Nossignore. La Kungliga Tekniska högskolan serve (per ammissione dei professori stessi) a darti la "forma mentis".Il che significa che La Kungliga Tekniska högskolan (da qui in poi abbreviato in "KTH") ha il compito di prendere un essere umano, svuotarlo di ogni minimo accenno di sensibilità umana e/o estetica e convincerlo che qualunque problema possa essere risolto diagonalizzando adeguatamente una matrice.

Per questa ragione, i più brillanti studenti di ingeneria sono in genere esseri asessuati.
La parola "ingegnere" non contempla infatti il femminile, ma non è poi neanche troppo maschile, con quella "e" finale che fa tanto né carne né pesce.
Di conseguenza, gli ingegneri più ingegneri sono quelli che non hanno nessuna caratteristica sessuale riconoscibile. Completamente amorfi, se vogliamo.

Differenze tra Svezia e Italia:L'unica differenza sostanziale che ho notato tra gli sudenti di ingegneria maschi e femmine, è che i maschi italiani fanno i buchi nei muri dei bagni
per spiare le femmine, mentre le femmine italiche riempiono tali buchi con le modalità più ingegnose (cicche, rotolini di carta igienica, nastro adesivo..). Chi non ci credesse, è pregato di recarsi in pellegrinaggio alle aule della facoltà di ingegneria la Sapienza di Roma, uscita raccordo anulare di Tor Vergata.

Stranezze svedesi: se per caso vedete una ragazza, e capite subito che è di sesso femminile, ed arrivate magari a trovarla addirittura gradevole alla vista, ed iniziate anche a desiderare di scoprire se sia altrettanto gradevole al tatto, allora non ci sono dubbi: la ragazza porterà a tracolla il tubo da disegno, simbolo distintivo degli architetti (così come la 24_ore è il simbolo degli ingegneri).

Se non ha il tubo, è una matricola, e quindi si aprono due possibilità:
1) L'anno prossimo sarà diventata un ingegnere, e quindi asessuata
2)L'anno prossimo sarà ancora bellissima e attraente, ed avrà cambiato facoltà.
Credetemi: non esistono altre alternative.

(vagabondo)
Posted by Picasa

Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.