Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

sabato 16 aprile 2011

Kärleksfullt från Parma

Essere raccomandati in Svezia è peccato mortale. Anna Maria Corazza, poi, è dal 1998 moglie dell'ex premier, leader del partito moderato e attuale ministro degli Esteri Carl Bildt. E italiana, per giunta.
Quando l'anno scorso ha deciso di entrare in politica e di presentarsi alle elezioni europee, ha dovuto faticare per farsi perdonare quel peccato. Il suo nome era in lista al posto numero 8 e gli eletti dovevano essere 4, forse 5. Ma, con una scelta anomala, la battagliera Corazza ha deciso di fare lo stesso campagna elettorale. Come un vortice ha invaso il paese con la sua chioma bionda e il suo fare risoluto, dai manifesti per strada ai giornali, alla tv, alla radio e internet, utilizzando soprattutto Facebook. «Sapevo di dover lavorare il doppio degli altri - spiegò in una intrvista- e mi sono rivolta direttamente al popolo svedese».

Un popolo molto attento all’ambiente, ma poco interessato alla cucina. Però, la candidata numero 8 ha scelto come cavallo di battaglia il cibo e la sicurezza alimentare. L'ha fatto con «italian style» e rigore tutto svedese.

Classe '63, nata a Roma dalla famiglia emiliana proprietaria delle Terme di Tabiano, Anna Maria ha puntato sul mangiar sano e sui prodotti tipici della sua terra, dal parmigiano al prosciutto, all’aceto balsamico, facendo un pellegrinaggio capillare per supermarket e centri commerciali. Ha raccontato del figlio Gustav (6 anni) e della sua allergia alle arachidi che l'ha obbligata a fare attenzione alle etichette dei cibi. Ha parlato di corretta informazione, controlli alimentari e lotta alle sofisticazioni.
Contro tutte le previsioni, Anna Maria è risultata seconda tra i 5 eletti del partito con 86 mila preferenze, mentre le favorite Ibrisagic e Haby si fermavano a 20 mila. La «moglie del ministro», come la chiamavano con accento polemico, si è fatta conoscere per quel che vale personalmente. E chi l'aveva paragonata a Carla Bruni ha incominciato a dire che la Corazza aveva fatto ben più della signora Sarkozy, facendosi eleggere grazie al carattere e all'intelligenza e non grazie al nome Bildt.

A marzo 2010 il presidente della Repubblica Napolitano l'ha decorata Grande Ufficiale, come ambasciatrice del cibo italiano all'estero. Ed è stata prescelta per accompagnare i Reali svedesi nella visita di Stato in Italia. Ad aprile dell`anno scorso era a Cernobbio. invitata dall'Aspen Institute tra i «protagonisti italiani nel mondo». A giugno del 2010 ha ottenuto la sua prima vittoria, quando l'Europarlamento ha approvato le nuove norme che cambieranno le etichette degli alimenti: ben evidenti sulla parte anteriore, molto più chiare e comprensibili, senza semafori rossi o verdi solo in base ai grassi, che avrebbero ingiustamente penalizzato salumi o formaggi italiani.

«Madame Parmigiano», come l'avevano soprannominata, non si è sempre occupata di cibo. Per capire di che tempra è fatta bisogna sapere che Bildt l'ha conosciuto e sposato nella Sarajevo dilaniata dalla guerra. Dopo la laurea in Scienze politiche alla Sapienza di Roma e la specializzazione in Usa ha lavorato con il ministero degli Esteri, l'Ocse, l'Unesco, la Banca mondiale. Poi l'Onu, che dal '92 l'ha inviata in Serbia per 2 anni, in Croazia per altri 2 e in Bosnia per ancora 2. Proprio lì Anna Maria Corazza diventa la signora Bildt.

Nessuno l'accusa di frivolezza se, promuovendo a Stoccolma le eccellenze italiane, sfoggia un bell'abito di moda. Ama i tailleur di Emporio Armani per le occasioni di lavoro e Valentino, per la sera. Nelle cerimonie cerca di alternare moda italiana e svedese. Per l’appuntamento più importante, la consegna dei Nobel, il 10 dicembre scorso, ha sfoggiato un modello di Alberta Ferretti.

Anna Maria ha parlato delle cose che conosceva bene e la gente l`ha capita. Ha scritto anche un libro nel 2002 , Da Parma con amore,
(Kärleksfullt från Parma) che in Svezia è diventato un best seller.

Buon fine settimana, da Roma franco.


Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.