Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

mercoledì 17 aprile 2013

Difetti italiani e cioccolato svedese.

Difetti italiani: Rubiamo, non paghiamo le tasse, non ci piace lavorare, pretendiamo che Oxford sia gratis, diamo comunque la colpa a qualcun altro, siamo bugiardi, millantatori, clientelari, senza il senso del bene pubblico, familisti, raccomandati, invidiosi, siamo tragediatori, ladri di biciclette, approssimativi, inaffidabili, superstiziosi, maschilisti, conservatori o progressisti per finta, provinciali, siamo per i sacrifici però degli altri, per la trasparenza del prossimo, per le intercettazioni se non ci riguardano, restiamo inguaribilmente mediterranei, fancazzisti, barzellettieri e canterini. Pure grillini, siamo capaci di diventare. 
 källa: il foglio quotidiano
Ma il cioccolato con la merda lo fanno in Svezia.


Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.