stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

sabato 27 luglio 2013

Come evitare il "Coccolone"



Il caldo che in questi ultimi giorni sta attanagliando “la Piccola Città” sembra una poco simpatica legge del contrappasso: i miei concittadini dopo esserci lamentati fino a qualche giorno fa “di questa pessima estate 2013”, ecco arrivare la VERA estate italiana — che sembra portarsi il caldo di due estati.

Però a noi piace così — che estate sarebbe senza il caldo? E poi è sempre una estate italiana.

Per i miei amici svedesi in vacanza a Roma dico che; onde evitare il “coccolone” romano, cercate di limitare le vostre attività turistiche a passeggiate serali con molte pause in bar o negozi (ottima scusa!), state il piú possibile a godervi il ponentino serale, magari fatevi una passeggiata fino a via della Panetteria, dietro Fontana di Trevi, e entrate da “San Crispino”. 


Vi assicuro che è lì che servono il gelato più buono di Roma. Provate quello al pistacchio realizzato rigorosamente con pistacchi di Bronte. (non quelli turchi che comprate in Svezia...) Ottimi anche quelli di frutta. I miei preferiti quelli ai fichi neri o bianchi, il colore non ha importanza. ( tutti e due tipi aiutano molto...)

A questo punto non potete fare altro che attender l`inizio della prossima settimana (che dicono che con l`arrivo di "Caronte..." non ci sarà  tregua (40 gradi) sia per i romani che per voi!  Poveri turisti con biglietto charter... costretti a rimanere a Roma anche la prossima settimana.) Dico voi perchè io da lunedí mi godrò il fresco di Stoccolma.


A proposito del significato di “coccolone”, ho fatto una ricerca google e ho trovato solo questo:


Coccolone - Dicesi in modo basso per Colpo d'apoplessia fulminante secondo alcuni da COCCOLA in senso di testa o do colpo nella testa, ma sembra non potersi separare dal verbo COCCOLARSI, ACCOCCOLARSI: quasi dica: colpo che fa piegar le ginoccchia a terra.

Alla prossima!!!





Post in evidenza

Prima domenica dell`Avvento

Ecco, ci siamo: Oggi è la prima domenica dell`Avvento e qui in Svezia è tradizione che si addobbano i davanzali con candelabri e ste...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.