stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

martedì 7 gennaio 2014

"Ogni attacco su di voi è un attacco alla Svezia."



La moschea di Södermalm a Stoccolma
La settimana scorsa tra la notte di giovedì e venerdì nel quartiere di Södermalm a Stoccolma è successo un fatto a dir poco aberrante, ideato da alcuni imbecilli che hanno avuto la malaugurata idea di imbrattare con diverse svastiche (ben 8) il portone della moschea del quartiere (vedi foto). A scoprirlo è stato il capo della Federazione dei Musulmani in Svezia, Omar Mustafa, che ha immediatamente pubblicato su twitter le immagini del portone.Omar ha poi raccontato in un`intervista che recentemente sono piuttosto frequenti gli atti vandalici nei confronti della comunità islamica locale, anche se questa è la prima volta che i malviventi si “firmano” con una la svastica.
Ero talmente disgustato da questo episodio che non avevo nessuna intenzione di scriverne un post anche per non dare la minima importanza ad un manipolo di idioti/sfaccendati che non meritano nemmeno di essere nominati. Quello che mi ha fatto cambiare idea è stata la bella sorpresa che hanno avuto i mattinieri fedeli della moschea quando ad attenderli sul portone ieri mattina c`erano dei messaggi ben differenti. Fiori, fiori ed ancora fiori, che erano stati lasciati all'ingresso insieme ad una nota con le parole "Per ogni atto d`odio criminale, c'è un fiore. Un attacco su di voi è un attacco alla Svezia. Noi siamo con voi".
Omar Mustafa
- Naturalmente è un fatto positivo che si è risposto con tanto amore a quell`orrendo messaggio d`odio-, ha detto Omar Mustafa che poi ha tenuto anche a precisare che: “il sostegno e la solidarietà per l'attacco svastica è stato grande. Penso che la gente sia stanca e ne abbia abbastanza dell`odio strisciante che si annida nella società e vuole prendere le distanze da esso in modo pratico e positivo.Sono d`accordo anch`io!

Post in evidenza

18 Gennaio

Oggi, come ogni 18 gennaio, è il mio genetliaco, in uno sciagurato giovedì mattina di tanti anni fa, non so a che ora, nella periferia...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.