Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

lunedì 19 maggio 2014

Mucche svedesi.


Tra le cose che mi mettono in pace com me stesso, c´è sicuramente una passeggiata in aperta campagna; ieri visita ad una fattoria a sud di Stoccolma, tra mucche,cavalli e quant’altro, camminando in mezzo al letame sparso e con la fortuna ( opinione discutibile ) di assistere al parto di una cavallina quasi in diretta. Si è mangiato carrè di maiale alla brace (altra opinione discutibile), mista alle betulle che nell’aria svolazzavano libere e felici agitate da un vento frescolino insieme ai profumi del luogo.
E per non farci mancare niente visita ad un’altra fattoria dove per la felicità dei nipotini e del nonno si è gustata una fetta di torta di mele con vaniglia calda.

…..Li niente betulle ma un campo giallo di ”raps” e nuvoloni in arrivo portati dallo stesso vento del mattino. Un saluto al cavallino  solo soletto…e poi a casa.


Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.