stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

mercoledì 17 settembre 2014

Che bel tempo che fa



Bel tempo questa mattina a Stoccolma. Almeno per oggi. Che poi l`estate è anche finita, ma semplicemente una giornata da sogno.  Che gioia poter uscire senza infilarsi una giacca o un cardigan. O i mutandoni come un inverno.  Sole sfolgorante che trasforma il lago Mälaren in una distesa di diamanti azzurri.  La carezza dolce di una brezza estiva sulla pelle, gli alberi esuberanti, dalle fronde che stanno cambiando colore, il profumo inebriante della speranza nell’aria.  Ce la faremo, dunque.  Ci rialziamo, ci impegniamo, crediamo di nuovo.  La vita ci apre tante porte, entreremo in quella giusta.  Guardiamo avanti, vale la pena.  Il passato tende a incatenarci.  Si deve staccare a volte (credo...).  Forse la parte migliore non è ancora arrivata.  Ma se allungo la mano, posso toccarla.  Hang on to that hope, it’s all you’ve got.
FoF

Post in evidenza

Intrigo a Stoccolma. (Parte 1)

Stoccolma: Settembre 1965 Arrivai in Svezia in una giornata come quella di oggi. Calda, cielo un pò nuvoloso con sprazzi d`azzurro in...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.