stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

mercoledì 14 ottobre 2015

Uomo barbuto è sempre piaciuto

Se avete intenzione di trasferirvi in Svezia con la vostra bella barba della quale siete molto orgogliosi state attenti, perchè potreste essere scambiati per una cellula dello Stato Islamico. Lo hanno capito dei ragazzi barbuti che si erano dati appuntamento nei pressi del castello di Brahehusper per un servizio fotografico celebrativo. I possenti ragazzoni tutti hipster e tutti componenti del gruppo Bearded Villains hanno attirato l'attenzione di uno spaventato vecchietto che forse si è lasciato condizionare un po' troppo dalla cronaca internazionale.
Paura della barba - L'uomo che passava per caso nella zona delle rovine ha scambiato i ragazzi per jihadisti a causa della barba folta e di un bandiera nera a scritte bianche, simile a quella dell'Isis. Così all'improvviso sul posto è piombata la polizia come ha raccontato un membro su Facebook dei Bearded Villains:
foto: Aftonbladet
"Durante il servizio fotografico sono apparsi due poliziotti: ci hanno detto che avevano ricevuto una chiamata da qualcuno che sosteneva di avere visto dalla propria auto un gruppo di 30 terroristi sventolando una bandiera dell'Isis" - commenta su Facebook Andreas Frannson, uno dei membri -  
Andreas Frannson
"Ci siamo fatti una risata con i poliziotti: presto si sono accorti che non eravamo terroristi, nel bel mezzo del nulla, vestiti in modo formale, abbracciandoci e ridendo".

Ovviamente la polizia non ha potuto far altro che constatare che non eravamo jihadisti, ma solo signori barbuti felici e contenti.
"È stato irreale" ha dichiarato uno dei fondatori del club, John Ekeblad.  
 "Ogni giorno, in pratica, ci sentiamo dire che siamo terroristi", ha concluso Ekeblad.
Che dire,”una barba non fa primavera…!!”


Post in evidenza

18 Gennaio

Oggi, come ogni 18 gennaio, è il mio genetliaco, in uno sciagurato giovedì mattina di tanti anni fa, non so a che ora, nella periferia...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.